Viaggio alle Indie

Il metodo Colombo consiste nell’errare. E si capisce come il termine sia da leggere nel duplice senso… Andare contromano e per sbaglio trovarsi davanti a uno spazio nuovo e fortuna averlo scoperto, pena la morte. Quelle navi infatti non erano adatte a circumnavigare il globo, quindi, a raggiungere la meta fissata prima dell’inizio dell’impresa. Così viaggiare ora, in un tempo che è più medioevo del medioevo di allora, quando non si danno salde dimore, case buone una volta per tutte, dà conto di un’esperienza esplorativa il cui diario di bordo è già fin da subito da riscrivere, ogni giorno. La sopravvivenza quotidiana guarda alle Indie per acciuffare uno scoglio più in qua dell’estremo oriente. Un approdo a tempo, fosse perfino come una scala su cui ci sali sopra e poi butti via fra le robe vecchie. Colombo partì e non arrivò mai. Si fermò prima, per via di un calcolo fatto male. Qui certo, nella vita aperta, la matematica non vale. Meglio: non serve, tanto erri lo stesso. Conta piuttosto stare in pista, proseguire, tirare avanti la caravella. Non ci sono sogni da ricercare, non esistono troppi miraggi o troppe fantasie. Quel che conta è il pelo dell’acqua, sotto il quale non bisogna finire. Mantenere fuori bocca e naso… e muoversi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...