Cultura e capitale

Pop art

Pop art

Il dato che segna la rottura tra la realtà delle cose come sono adesso e il sistema di produzione dominante è che quella del capitale non è la forma più adeguata da assegnare all’essere. La creazione di valori d’uso, presa in quanto tale, non coincide necessariamente con la creazione di merci. Il fatto risulta ancor più chiaro quando si tratta di prodotti della così chiamata industria culturale. Soprattutto quando si pensa che alzare il prezzo della merce sia un buon modo per tornare a posto coi conti e rilanciare la produzione. Errato. Un prodotto culturale non si lascia costringere dentro rigidi schemi strumentali, quantitativi, fatti di solo calcolo e profitto. Perché la cultura necessita di una buona dose di qualità non riconducibili a numeri, tempi omogenei e vuoti, accumulazione di denari. Si badi che non è un discorso volto a celebrare la spiritualità delle arti e dell’ideale dell’espressione culturale. Non è affatto niente di tutto ciò. Il dato, si diceva, è del tutto materiale. La cultura a regime capitalista non significa che il capitale sia la condizione perfetta sotto cui produrla.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...