Roccella, lo scorcio da cui s’intravede il pensiero

Dal castello dei Carafa

Dal castello dei Carafa

L’estate scorsa un caro amico salì sulla rocca e rimase in silenzio per diversi minuti. Era come trasecolato. Giù il costone cadeva a picco. Alzò lo sguardo e in fondo a destra vide la punta dell’Aspromonte. Poi, di colpo riprese fiato e disse: “Adesso capisco perchè la filosofia nacque in questi luoghi”. Il pensiero vien dal mare, dall’azzurro dello jonio. La metafisica arriva dall’est. Peraltro, Talete, il primo pensatore accreditato nei manuali di storia della filosofia e bendetto perfino da Aristotele, individuò nell’acqua l’arché. Principio primo: origine, sostentamento e fine di tutto. Dallo spuntone di roccia del vecchio castello di Roccella, il panorama invade gli occhi e fa rabbrividire la schiena. Peccato per il palazzo ridotto a work in progress da una decina d’anni. Ma peccato soprattutto perché col bastione in disuso, il cortile da cui s’intravede il pensiero è chiuso al pubblico. Per goderselo bisogna rubarlo. Infilandosi come ladri sotto i cancelli del cantiere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...